Biscotti sacher con frolla al cacao e SoloFrutta albicocca

Biscotti sacher con frolla al cacao e SoloFrutta albicocca

Postato da Apicoltura Casentinese il 21/12/2020
I biscotti sacher hanno un solo difetto: non sono mai abbastanza. 
Se amate il connubio del cioccolato fondente con l’aroma di albicocca, dovete assolutamente provarli. 
Tre le particolarità: la loro friabilità, il cioccolato fondente che ricopre solo metà biscotti e la composta SoloFrutta bio che dà equilibrio al biscotto senza renderlo esageratamente dolce. 
Alla vista sono belli come dei pasticcini, al gusto sono un’esplosione di sapori. 
E la cosa più bella sapete qual è? 
Che non bisogna andare a Vienna per averne uno, e nemmeno impazzire con le temperature di fusione del cioccolato: bastano pochi ingredienti, la giusta preparazione e il risultato sarà assicurato!

INGREDIENTI 

Per l’impasto:
250g di farina 0
140g di burro
80g zucchero a velo
35g farina di mandorle
1 uovo + 1 tuorlo
Buccia di limone q.b
Mezzo cucchiaino di sale
20g di cacao

Per la copertura:
150g di cioccolato fondente
Composta di albicocche SoloFrutta bio

PROCEDIMENTO

Per realizzare questo tipo di frolla potete usare sia la planetaria che preparare l’impasto a mano. 
L’importante è solo una cosa: lavorarla poco in modo tale che il burro non si scaldi troppo. 
Noi ho optato per la preparazione dell’impasto sabbioso. 
Per farlo è necessario mettere metà della farina e lo zucchero a velo e aggiungere il burro a temperatura ambiente. Con le mani (o con la planetaria), cominciate a lavorare il burro con le polveri in modo tale da sbriciolarlo senza scaldarlo. Pian piano dovreste ottenere un composto sabbioso, in cui la farina e lo zucchero a velo hanno inglobato il burro creando dei piccoli granuli. 
A questo punto aggiungere l’uovo e la farina di mandorle e un po’ di buccia di limone. 
Impastando il minimo indispensabile aggiungete infine l’altro tuorlo e il cacao e pian piano inglobate l’altra metà della farina. 
Create una palla e lasciate riposare l’impasto in frigorifero per circa un’ora. 
Invece di creare una palla, potete creare già un disco di frolla, in modo tale che stenderla in fase successivo vi risulterà più semplice. 

Dopo un’ora tirare l’impasto fuori dal frigo e stendete con il mattarello una sfoglia di circa 0.5/1cm. 
È importante che sia sottile perché i biscotti saranno doppi.

Pre-riscaldate il forno a 170 °C.

Con l’aiuto di uno stampo create i biscotti a forma quadrata o circolare, a seconda di come vi piace di più. 
La metà dei biscotti ottenuti lasciateli interi, l’altra metà bucateli al centro con l’aiuto di un tappo o uno stampo a cerchio più piccolo. 
Con questa operazione otterrete degli scarti di frolla che assomigliano a bottoncini: non buttateli!
Infornate i biscotti (sia quelli bucati che quelli interi, sia i bottoncini ricavati dal buco) a una temperatura di 170 °C per circa 15 minuti. A seconda di quanto li avete stesi sottili state attenti, potrebbe volerci anche meno. 

A cottura ultimata e colorazione avvenuta, tirateli fuori dal forno e lasciateli raffreddare. 
Intanto scaldate a bagnomaria il cioccolato fondente e, con una piccola parte, create delle scagliette sottili. 
Prendete i biscotti bucati e intingeteli per metà nel cioccolato fuso, decorandolo poi con le scagliette di cioccolato. Lasciate raffreddare fino a completa solidificazione.

Il momento della composizione sarà semplicissimo. 
Posizionate sui biscotti interi (non bucati) uno strato abbondante di composta di albicocche. 
Sovrapponete il biscotto bucato e intinto nel cioccolato in modo tale che la composta venga fuori.
E, nel giro di qualche minuto, avrete una ventina di biscotti sacher pronti per essere gustati!
12/01/2021
Nel regno animale l’egoismo è alla base del processo di selezione naturale. Eppure per alcune specie si realizza un paradosso...
21/12/2020
Nella vita di molti di noi forse non è mai esistito un anno pieno di buoni propositi come il 2021. E non solo di buoni propositi, ma di...
19/12/2020
Quando l’ape regina depone le uova si fa una sola domanda: maschio o femmina? Immaginate una piccola cella esagonale. Potrebbe essere...