Le api sanno contare?

Le api sanno contare?

Postato da Apicoltura Casentinese il 02/12/2020
Sapevamo della loro eccezionale organizzazione, della perfetta efficienza produttiva, e magari anche del fatto che hanno cinque occhi al posto di due, ma la scoperta che un ape sa anche contare poteva essere annoverata fra le fake dell’anno, e invece?

A sorprenderci con questa curiosità è un team di rice
rcatori australiani guidato da Scarlett R. Howard del Bio-inspired Digital Sensing (BIDS) della RMIT University di Melbourne.

La ricerca è iniziata da un’intuizione: se le api hanno la capacità di distinguere la destra dalla sinistra, l’alto e il basso, il piccolo e il grande, come già fanno altre sp
ecie animali, questo significa forse che sono in grado di comprendere il concetto di zero, che è alla base di qualunque teoria matematica.

Nel corso degli studi, i ricercatori hanno esaminato il comportamento di un gruppo di api della specie Apis mellifera, inserendo gli insetti in un minuscolo ma organi
zzato corso di laurea per capire le loro effettive competenze in materia.

La ricerca ha esaminato la capacità delle api di associare due colori alle due op
erazioni matematiche di base, l’addizione e la sottrazione. 


Nel caso di risultato corretto l’ape esaminata veniva ricompensata con una soluzione zuccherina, il premio più ambito per l’insetto. La ricerca è proseguita sommando un centinaio di test, durante i quali le api sono state allenate a sviluppare una ulteriore capacità, quella di saper distinguere entità numeriche diverse, come ad esempio, gruppi di 4 e di 3 elementi, fino ad acquisire concetti più complessi come l’ordinamento delle quantità.

Al termine della ricerca i risultati hanno premiato gli sforzi dei ricercatori, ed ovvi
amente anche quelli dei minuscoli studenti: quasi il 100% delle api erano in grado di scegliere la risposta corretta.

Lo studio dei biologi australiani, che riconosce definit
ivamente alle api un cervello matematico, dimostra come le competenze numeriche siano alla base delle abilità di memoria degli insetti nella ricerca dei fiori sui quali posarsi ed apre scenari sorprendenti e nuove domande per tutti gli studiosi del mondo animale.

C’è da chiedersi ad esempio se una comprensione numerica così precisa sia pr
opria delle api da miele o anche di altre specie animali che vivono in ambienti complessi come quello delle api.

Oppure domandarsi se le competenze numeriche hanno bisogno di grande cerve
llo per essere sviluppate, considerando che il cervello delle api occupa un volume di circa 1mm3.
12/01/2021
Nel regno animale l’egoismo è alla base del processo di selezione naturale. Eppure per alcune specie si realizza un paradosso...
21/12/2020
Nella vita di molti di noi forse non è mai esistito un anno pieno di buoni propositi come il 2021. E non solo di buoni propositi, ma di...
21/12/2020
I biscotti sacher hanno un solo difetto: non sono mai abbastanza.  Se amate il connubio del cioccolato fondente con l’aroma di albicocca,...